Isola Bergamasca - Isola che non conosci - Terra fra due fiumidi storia
 
   
Romanico e Medioevale
Abbazia di S. Egidio
Basilica di S. Giulia
Castello di Marne
Chiesa di S. Bartolomeo
S.S. Fermo e Rustico
Naturalistico Culturale
Parco Adda Nord
Parco del Basso Brembo
Parco del Bedesco
Monte Canto
Percorsi della Fede
Ghiaie di Bonate
Sotto il Monte Giovanni XXIII
Civile e Religioso
Chiesa di S. Giorgio
Chiesa di S. Vittore
Palazzo Furietti Carrara
Villa Gromo
Villa Mapelli
 
La via del Risorgimento
Villa Tasca
Villa Morlacchi
Castello Moretti
 
Percorsi Colleoneschi
Solza
Cavernago
Urgnano
Martinengo
Romano di Lombardia
   
 
Archeologia Industriale
Crespi d'Adda
   

  PromoIsola
  Via Legionari di Polonia, 5
  Ponte S. Pietro (Bg)
  Tel. 334.171.1234 
  Fax O35.790.902
  C.F. 91019780161
  P.IVA 03178490169

 



  

Isola Bergamasca - Isola che non conosci - terra fra due fiumi di storia
 

VILLA MAPELLI


La vasta mole della facciata di fondo, di quasi 40 m., con gli avancorpi e le parti laterali costituiscono un complesso che supera i 90 m. e rende questa villa la più grandiosa della nostra provincia.
L’edificio è stato costruito nel tardo ‘600, poi ripreso e completato alla fine del ‘700 ad opera delle due famiglie che l’hanno abitato: i Mozzi, capitani d’armi e condottieri, e i Mapelli, nobili e letterati.

 
Si pensa che già nel ‘600 esistesse un primo nucleo, costituito da un castello di proprietà dei Mozzi, mentre la villa vera e propria fu fatta costruire dopo il 1770, data che si ricava da un manoscritto di Giovanni Moroni, architetto di Ponte S. Pietro che, probabilmente, ne fu il costruttore. Di sicuro il progettista era molto vicino al Piermarini e questo si deduce dall’impostazione architettonica, che ha evidenti richiami con la Villa Reale di Monza, eretta dal Piermarini tra il 1776 e il 1780; d’ispirazione piermariniana è anche la profilatura dell’attico del corpo centrale che, pur nella sua semplicità, prende spunto dal coronamento del Teatro alla Scala di Milano.

Il monumentale scalone interno conduce alle sale del piano nobile affrescate da Bonomini, Orelli e Comerio.