Isola Bergamasca - Isola che non conosci - Terra fra due fiumidi storia
 
   
Romanico e Medioevale
Abbazia di S. Egidio
Basilica di S. Giulia
Castello di Marne
Chiesa di S. Bartolomeo
S.S. Fermo e Rustico
Naturalistico Culturale
Parco Adda Nord
Parco del Basso Brembo
Parco del Bedesco
Monte Canto
Percorsi della Fede
Ghiaie di Bonate
Sotto il Monte Giovanni XXIII
Civile e Religioso
Chiesa di S. Giorgio
Chiesa di S. Vittore
Palazzo Furietti Carrara
Villa Gromo
Villa Mapelli
 

La via del Risorgimento
Villa Tasca
Villa Morlacchi
Castello Moretti
 
Percorsi Colleoneschi
Solza
Cavernago
Urgnano
Martinengo
Romano di Lombardia
   
 
Archeologia Industriale
Crespi d'Adda
   

  PromoIsola
  Via Legionari di Polonia, 5
  Ponte S. Pietro (Bg)
  Tel. 334.171.1234 
  Fax O35.790.902
  C.F. 91019780161
  P.IVA 03178490169

 



  

Isola Bergamasca - Lìisola che non conosci - terra fra due fiumi di storia
 
 

IL CASTELLO DI MARNE (FILAGO)

Il castello ha da sempre caratterizzato la storia dell’antico borgo di Marne, le cui origini si fanno risalire al tempo della dominazione di Roma.
L’architetto Angelini, riferendosi a uno stemma affisso in origine sopra il portale d’ingresso, afferma che sicuramente la costruzione risale a prima del Mille.
L’importanza storica del Castello di Marne è dovuta al fatto di essere un fortilizio “imprendibile”, essendo arroccato su uno sperone roccioso, sotto il quale scorre il torrente Dordo che si getta nel vicino fiume Brembo.

Nel periodo delle lotte fra Guelfi e Ghibellini, il castello è più volte protagonista di sanguinosi scontri. All’esterno, è stata mantenuta la tipica struttura medievale, anche se rimaneggiata più volte nel corso dei secoli, con l’imponente torre merlata, gli evidenti segni della passata esistenza del ponte levatoio, le finestre a sesto acuto; l’interno, invece, richiama le residenze rinascimentali con un semplice impianto a L, il giardino, la fontana e il pozzo a muro.
Nel cortile del castello si trova un caseggiato una volta adibito a scuderie e sotto il quale, durante il periodo di Bartolomeo Colleoni, era stata scavata nella viva roccia che sovrasta il fiume Brembo, una stanza che fungeva da zecca.
Isola Bergamasca - Lìisola che non conosci - terra fra due fiumi di storia
 
Documento senza titolo